Riforma Condominiale

Con la Riforma Condominiale del 2012 – normata dalla Legge 11.12.2012 n. 220 “Modifica alla disciplina del condominio negli edifici” – assistiamo a un cambiamento sostanziale rispetto al passato.

Alcuni dei temi su cui incide maggiormente questa legge sono la detenzione di animali domestici, che non può essere vietata in nessun caso, e la possibilità di staccarsi dall’impianto di riscaldamento condominiale senza dover necessariamente attendere il giudizio dell’assemblea, purché si continui a pagare il costo della manutenzione.

Legge 11.12.2012 n. 220

Quali sono le principali novità della riforma del condominio del 2012? Vediamole insieme:

  • Parti comuni: viene inserito all'interno di questa categoria il sottotetto solo se oggettivamente destinato all'uso comune o all'esercizio di un interesse comune, rispondendo alle statuizioni giurisprudenziali per cui la natura del sottotetto di un edificio è in primo luogo determinata dai titoli.
  • Riscaldamento: una delle novità sostanziali è la possibilità di distacco dal riscaldamento centralizzato pur continuando a sostenere le spese di manutenzione dell'impianto.
  • Innovazioni: vengono introdotte delle innovazioni per cui sia prevista una maggioranza meno forte rispetto alle innovazioni dirette, purché siano finalizzate alla valorizzazione dell'immobile per quanto riguarda la sicurezza e la salubrità degli edifici e degli impianti, l'abbattimento delle barriere architettoniche, il contenimento del consumo energetico, la realizzazione di parcheggi o l'installazione di impianti per i flussi informativi.
  • Danni alle cose comuni: oltre a vietare l'esecuzione delle opere che recassero danno alle parti comuni dell'edificio, si estende il divieto anche a quelle opere che determinano un pregiudizio alla stabilità, alla sicurezza o al decoro architettonico, realizzate anche in parti di uso comune attribuite in proprietà esclusiva o destinate all'uso individuale.
  • Cambio delle tabelle millesimali: rispetto al passato, le tabelle millesimali possono essere cambiate anche se non si raggiunge l'unanimità ma solamente la maggioranza semplice. In caso di eventuale contenzioso nel corso della revisione è tenuto a intervenire il condominio nella persona dell'amministratore.
  • Contabilità trasparente e sito web: su richiesta dell'assemblea l'amministratore dovrà attivare un sito Internet da cui consultare ed estrarre copie dei documenti tratti dalle delibere assembleari.
  • Animali domestici: viene meno il divieto di detenere animali domestici all'interno di regolamenti votati in assemblea; tuttavia se la clausola si trova all'interno dei pubblici registri immobiliari il divieto può sempre essere applicato.
  • Creditori del condominio: è una delle novità più incisive dell’intera riforma, già prevista dalla Sentenza della Cassazione n. 9148/2008, e prevede l’obbligo di escutere prima i morosi; la condanna ottenuta nei confronti del condominio legittima il creditore ad escutere i beni dei singoli condomini solo per l’importo da questi dovuto in ragione dei rispettivi millesimi: in sostanza il suo credito verrà frammentato nelle varie quote dei condomini.

Manuale del condominio

Ogni amministratore di condominio e ogni condomino hanno la possibilità di consultare il Manuale del condominio, una guida pratica per gestire tutte le situazioni che possono creare controversie.

Il Manuale dell’amministratore di condominio è disponibile anche online, oltre che in libreria, e si può scaricare in PDF. È possibile trovarvi tutte le informazioni necessarie anche per quanto riguarda la Riforma condominiale del 2012.

Indice:

Chiudi il menu
 
 
CHIAMA SUBITO 0694802303
chiama fai click
chiama
chiama gratis e senza impegno

0694802303