Agevolazioni Fiscali Ristrutturazione

Esistono delle agevolazioni fiscali ristrutturazione che sono previste dalla legge per ogni intervento di questo genere all’interno dei condomini. Spesso i lavori edili per le ristrutturazioni sono estremamente onerosi, anche nel caso dovesse trattarsi di piccoli interventi.

Agevolazioni Fiscali Ristrutturazione

Proprio per questa ragione è stata creata una legge che prevedesse degli “sconti” indirizzati a determinate categorie, al fine di affrontare i lavori senza spendere troppo.
Le agevolazioni fiscali consistono nella detrazione fiscale e variano in base al settore in questione. Infatti, le detrazioni fiscali possono essere applicate per interventi di vario tipo, come ad esempio per le ristrutturazioni edili, per l’installazione della caldaia, per il pagamento dell’IVA sul metano, ecc.

 

Agevolazioni Fiscali ristrutturazione: lavori nel condominio

Sono previste delle detrazioni fiscali Irpef all’interno del Testo Unico per la ristrutturazione edilizia, sia nel caso in cui si tratti di edifici di proprietà privata e sia per dei condomini.
Nel caso della riqualificazione edilizia in un condominio, le agevolazioni prevedono una detrazione in percentuale pari al 50% per i lavori di manutenzione ordinaria nelle parti comuni; questo 50% può occasionalmente estendersi fino al 65% se dovesse trattarsi di riqualificazione energetica.

 

Se non conosci niente, o quasi, sull’argomento riguardante la ristrutturazione e riqualificazione energetica condomini roma clicca sul seguente link per scoprire più informazioni riguardo l’attestato di prestazione energetica.

 

Vengono considerate “parti comuni” le cosiddette zone di proprietà comune di tutti i condomini come:

fondamenta;
muri maestri;
tetti;
portoni di ingresso;
scale;
portici;
cortili.

La Legge di Stabilità prevede un limite di tempo imposto per il termine utile per usufruire delle detrazioni, che corrisponde alla fine dell’anno in corso. Questo si ristabilirà nuovamente, in misura ordinaria al 36%, dal 1 gennaio.
Ricorda che la detrazione Irpef del 50% supporta un tetto massimo di spesa pari a 96.000 euro cada unità immobiliare.